Glutine, quando eliminarlo dall'alimentazione

Il glutine è una proteina contenuta in frumento e derivati. Viene utilizzata per conferire elasticità e viscosità agli impasti. Si trova quindi nelle farine di grano, kamut, farro, orzo, segale per esempio, ed è la base del seitan.

glutine perchè eliminarlo

Il glutine purtroppo può provocare intolleranze, in particolare celiachia che è una vera e propria patologia, e anche forme di sensibilità, nel senso che in alcuni soggetti non celiaci si può manifestare una sensibilità al glutine, spesso difficile da individuare.

Dolori addominali, gonfiore, senso di pesantezza e infiammazioni di vario tipo possono essere la spia di un'intolleranza al glutine che pertanto andrebbe eliminato dalla dieta. Recentemente si è scoperto come il glutine sia alla base di numerose patologie e di come la sua eliminazione abbia portato ad un miglioramento del quadro generale.

Chi soffre di patologie autoimmuni, soprattutto a carico della tiroide, dovrebbe eliminarlo dalla dieta proprio perchè peggiora la sintomatologia dei disturbi legati a questa ghiandola aggravando la situazione.

Ecco perchè a questi soggetti si consiglia una dieta come la paleo priva di cereali, glutine, latticini e legumi. Per smaltire un gr di glutine tuttavia occorrono circa 6 mesi di alimentazione che ne sia priva.

Bisogna quindi evitare ogni sgarro alimentare, ma i risultati in termini di salute ripagheranno. Si dice che il glutine faccia ingrassare, ma in realtà causa infiammazioni o peggiora le condizioni di chi è affetto da qualche patologia. E' indubbio comunque che eliminarlo dalla dieta faccia sentire più sgonfi e pieni di energia.

Ma come si fa ad eliminare il glutine dall'alimentazione?

Il glutine è presente praticamente dappertutto, nei prodotti da forno, nelle panature, nelle farine raffinate e persino in alcune bevande come la birra.

Per eliminarlo tutti questi alimenti vanno sostituiti con alternative prive di glutine. Quindi cereali come riso, mais, quinoa, grano saraceno, miglio per esempio. Da evitare la birra e dare ampio spazio nell'alimentazione a frutta e verdura, carni magre e fare attenzione ai prodotti trasformati.

Non c'è bisogno quindi di acquistare costosi alimenti senza glutine in quanto ne esistono altri, come abbiamo visto, che sono naturalmente privi di glutine come il riso.

Ormai si stanno diffondendo tantissimi locali dove potrete gustare una pizza senza glutine oppure ordinare una piadina di mais senza glutine, di solito ci aggiungono amido di frumento deglutinato, oppure prepararvi in casa un dolce che sia privo di questa proteina utilizzando farina di mais bianco o farina di mandorle per esempio.

L'importante è provare e sperimentare e soprattutto stare molto attenti a leggere le etichette dei prodotti che acquistate.

Immagine di foodnavigator.com

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO