Come riconoscere i sintomi del diabete di tipo 1

Scritto da: -

sintomi del diabete di tipo 1

I sintomi del diabete di tipo 1 non sono molto diversi da quelli del diabete di tipo 2, ma le due malattie sono differenti da diversi punti di vista. Primo fra tutti, la velocità di comparsa dei disturbi: quelli del diabete di tipo 2 (noto anche come “diabete mellito”) compaiono più lentamente rispetto a quelli del diabete di tipo 1, che, in genere, sono più improvvisi. Non solo, mentre il diabete mellito è più frequente in età adulta, il diabete di tipo 1 compare, in genere, durante l’adolescenza.

Non mancano, però, i casi in cui anche i bambini sviluppano il diabete di tipo 2, complice la crescente epidemia di obesità fra i più giovani. E anche il diabete di tipo 1 può comparire a qualsiasi età, scatenato da vari fattori (inclusi i geni e alcune infezioni virali) che riducono, fino addirittura ad annullarla, la produzione di insulina.

Quest’ultima è l’ormone che permette alle cellule di prelevare il glucosio dal sangue e di utilizzarlo per produrre energia. Quando, come nel caso del diabete di tipo 1, il pancreas, l’organo che dovrebbe produrre questo ormone, non svolge correttamente la sua funzione, compaiono i seguenti sintomi:

  • aumento della sete e della minzione: il glucosio non utilizzato dalle cellule si accumula nel sangue e richiama liquidi dai tessuti, aumentando la sete e, di conseguenza, la produzione di urina.
  • fame eccessiva: il glucosio non entra più né nei muscoli, né negli altri organi, che vanno in carenza di energia. Il risultato è l’aumento dell’appetito e una sensazione di fame anche dopo aver mangiato.
  • perdita di peso: senza glucosio i muscoli e i depositi di grasso diminuiscono.
  • fatica: la carenza di glucosio rende stanchi ed irritabili.
  • vista appannata: l’eccesso di glucosio nel sangue fa disidratare anche gli occhi, rendendo la vista sfocata.

In presenza di questi sintomi il diabete di tipo 1 può essere diagnosticato con opportune analisi di laboratorio, prime fra tutte quelle che misurano i livelli di zuccheri nel sangue. Inoltre alcuni test che rilevano la presenza di anticorpi tipici del diabete di tipo 1 e la presenza nelle urine di chetoni, molecole che derivano dalla degradazione del grasso, permettono di distinguere questa forma da quella di tipo 2.

Via | Mayo Clinic
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
3.80 su 5.00 basato su 15 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Benessereblog.it fa parte del Canale Blogo News ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.