Acqua di sorgente o del rubinetto? Ecco le differenze

Se ne è parlato a Nutrimi, il IX forum di Nutrizione Pratica. Ecco cosa ne è emerso

L'acqua è un vero e proprio nutriente e per mantenersi in salute è necessario soddisfare i fabbisogni giornalieri, pena difficoltà di termoregolazione, diminuzione delle capacità cognitive e riduzione delle performance fisiche. Ma come scegliere quale acqua bere? Meglio quella del rubinetto o quella imbottigliata alla sorgente? Se ne è parlato a Nutrimi, il IX forum di Nutrizione pratica in corso a Milano.

Il primo aspetto emerso è la differenza fondamentale tra acque di sorgente e acqua del rubinetto: mentre le prime sono pure all'origine (provengono da un ambiente profondo, incontaminato), quella del rubinetto deve essere trattata per essere potabile, e può quindi contenere residui delle sostanze utilizzate a questo scopo.

Acqua rubinetto

Altra peculiarità delle acque di sorgente è poter esercitare effetti salutari. La loro composizione chimica è costante e permette di scegliere un'acqua piuttosto che un'altra in base alle proprie esigenze, ai propri fabbisogni e alle proprie patologie. Un parametro interessante è il residuo fisso: molto basso va bene contro pressione alta. Le acque ricche di ferro sono invece ottime in caso di anemia. Quale tipo fa per voi?

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail