La cannella: proprietà, benefici e controindicazioni

Una delle spezie più preziose della cucina è anche un ottimo medicinale

ovaio-policistico-cannella-586x390

La cannella è uno degli ingredienti indispensabili in una cucina degna di questo nome: il suo profumo aromatico, dolcemente piccante e legnoso, è il complemento perfetto di alcuni frutti come le mele e le pere nella preparazione di dolci sfiziosi ed è una delle spezie più utilizzate nelle cucine arabe, orientali e indiane, per il suo sapore inconfondibile. Non a tutti piace, certo, ma varrebbe la pena consumarla anche in virtù delle sue innumerevoli proprietà benefiche.

Nella medicina tradizionale più antica, che si fa risalire ai Greci e ai Romani, la cannella occupa un posto di tutto rispetto in quanto medicinale naturale per antonomasia: le sue proprietà terapeutiche riguardano il potere antiossidante e stimolante della circolazione sanguigna, tanto che è considerata una delle spezie migliori per detossinare l’organismo e rendere la pelle sempre più bella.

La cannella è anche utile per riattivare un sistema immunitario indebolito e tra i suoi benefici figurano anche le proprietà antibatteriche, antisettiche, stimolanti e digestive; ottimo alleato contro il raffreddore e l’influenza, è in grado di aiutare nella guarigione da episodi di diarrea, flatulenza e dispepsia grazie alla sua azione astringente, che combatte i microbi e purifica il corpo. Inoltre la cannella è un ottimo alleato per combattere la fame nervosa di chi segue un regime alimentare per perdere peso, magari un po’ troppo rigido.

Secondo la medicina ayurverdica la cannella un effetto riscaldante, quindi è ottima per curare tutti i disturbi legati al freddo e i crampi mestruali, perché rilassa la muscolatura; inoltre alcuni studi hanno dimostrato che può essere efficace la cannella nella cura dell'ovaio policistico. Già dall’antichità veniva utilizzata anche come afrodisiaco e stimolante sessuale.

Come ogni cibo, anche la cannella presenta alcune controindicazioni: i principali effetti collaterali riguardano le reazioni allergiche nelle persone che non la tollerano, ma è possibile che a dosi medie o elevate la cannella provochi tachicardia, diarrea, sudorazione fino ad arrivare alle convulsioni, che presto possono trasformarsi in sonnolenza e depressione perché la cannella tende ad avere un effetto sedativo sul sistema nervoso. A dosi elevate la cannella stimola le contrazioni uterine e per questo motivo è bene prestare maggiore attenzione al consumo di questa spezia durante la gravidanza.

Via | Tantasalute, Cure Naturali

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail