Anemia mediterranea: i sintomi e le conseguenze più comuni

Scritto da: -

anemia mediterranea

L’anemia mediterranea è una malattia genetica particolarmente diffusa nei Paesi dell’aera del Mediterraneo e i cui sintomi possono variare molto a seconda dei casi. A causarla è la mutazione in uno dei geni che servono per produrre l’emoglobina, la proteina che serve a trasportare l’ossigeno nel sangue.

Tutti gli individui possiedono due copie di questo gene e se solo una di esse è mutata l’individuo è considerato portatore della malattia e non sintomi evidenti. Chi, invece, ha entrambe le copie del gene mutate, possiede livelli di emoglobina più bassi nella norma. La conseguenza principale di queste mutazioni è un’anemia che, nei casi più gravi, compromette fortemente lo stato di salute e la qualità della vita.

In genere bambini affetti da anemia mediterranea non manifestano particolari problemi alla nascita. Nei primi giorni di vita, infatti, i piccoli utilizzano ancora una forma di emoglobina diversa da quella prodotta a partire da questi geni. Con il passare dei mesi, però, l’organismo inizia a produrre il nuovo tipo di emoglobina ed entro i primi due anni di vita i piccoli iniziano a manifestare gradualmente i primi sintomi dell’anemia mediterranea: pallore e affaticamento, difficoltà di crescita, febbre scatenata da infezioni e diarrea.

Tutti questi problemi sono associati alla carenza di emoglobina e di globuli rossi dovute alla mutazione e sono inclusi fra i sintomi tipici dell’anemia mediterranea. Anche negli adulti, infatti, questa malattia si manifesta con affaticamento, debolezza e pallore, cui si possono unire respiro corto, irritabilità, ingiallimento della pelle, malformazioni delle ossa facciali, gonfiori addominali e urine scure.

A seconda della forma di anemia da cui si è affetti i sintomi possono essere più o meno gravi. I casi più importanti richiedono addirittura trasfusioni regolari di sangue per consentire la sopravvivenza. La malattia, infatti, può portare a diverse conseguenze:

  • così come nei bambini si riscontra un ritardo nella crescita, così l’anemia mediterranea può ritardare la pubertà.
  • nell’organismo si può accumulare una quantità eccessiva di ferro che può danneggiare cuore, fegato e ghiandole che producono gli ormoni.
  • nelle forme più gravi sono più frequenti problemi cardiaci come anomalie nel battito del cuore.
  • chi soffre di anemia mediterranea è esposto a un maggior rischio di infezioni.
  • il midollo osseo si può espandere deformando le ossa che lo contengono e rendendole più fragili.
  • la distruzione dei globuli rossi che contengono l’emoglobina difettosa sovraccarica di lavoro la milza. Questa situazione può peggiorare l’anemia e a volte porta ad un ingrossamento talmente grave da richiedere la rimozione dell’organo.
  • La speranza degli esperti è che, in futuro, la terapia genica possa curare questa malattia che, attualmente, può essere trattata solo con trasfusioni di sangue e, in alcuni casi, trapianti di midollo osseo.

    Via | Mayo Clinic
    Foto | Flickr

    Vota l'articolo:
    3.80 su 5.00 basato su 15 voti.  
     
     

    © 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
    Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

    Benessereblog.it fa parte del Canale Blogo News ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.