Lotta al singhiozzo: rimedi naturali e fai da te

Il singhiozzo è un fastidioso disturbo provocato da una contrazione involontaria del diaframma. Vediamo i rimedi e le tecniche migliori per farlo passare


Il singhiozzo è un fenomeno involontario fastidioso e imbarazzante che si manifesta con il classico "hic" in sequenza, una sorta di singulto che viene indotto da uno spasmo della muscolatura del diaframma.

A cosa è dovuta questa contrazione involontaria che si ripropone ogni tot secondi e su cui spesso, non riusciamo ad avere la meglio? Ebbene il "responsabile" del singhiozzo è il nervo frenico del diaframma, a cui basta una certa sollecitazione (ad esempio il fatto di bere, mangiare o semplicemente deglutire in modo scomposto, o troppo in fretta) per trasmettere al muscolo l'impulso a contrarsi.

Singhiozzo

Il singhiozzo può insorgere in qualunque momento, nei soggetti giovani come in quelli anziani, ma è più facile che si manifesti in particolari condizioni, ad esempio durante stati ansiosi e sotto stress. Soffrire di problemi digestivi e in particolare di reflusso gastrosofageo sembra inoltre favorire il disturbo. Detto questo, come facciamo a far smettere un singhiozzo quando ormai si sia "innescato"?

I rimedi sono tanti, in genere di origine popolare, e consistono in tecniche fai da te per attenuare il riflesso spasmodico della muscolatura e permetterne il rilassamento. Tra i metodi più efficaci e collaudati c'è quello dei "sette sorsi d'acqua".

Basta bere, infatti, una piccola quantità di liquido non gassoso in modo da contare sette sorsi da effettuarsi, però, senza respirare, per veder cessare il singulto fastidioso. In effetti alla base di quasi tutti i rimedi naturali anti singhiozzo c'è una breve sospensione del respiro, come ad esempio il tapparsi il naso gonfiando le guance e rimanendo almeno 15 secondi in apnea.

Ancora, altro rimedio molto consigliato è il classico cucchiaino di zucchero con succo di limone (o aceto), perché quella sollecitazione gustativa sembra in grado di spostare l'attenzione, diciamo così, delle terminazioni nervose interessate dal singhiozzo e far rilassare la muscolatura diaframmatica.

Un metodo ugualmente valido ha a che vedere con i punti dell'agopuntura. In questo caso si dovrà premere con le unghie all'interno di ciascun padiglione auricolare.

Ultimo consiglio "figlio" della saggezza popolare: provocarsi un bello starnuto, ad esempio solleticando le narici con un po' di pepe. Sembra che sia un rimedio infallibile contro il singhiozzo, anche il più ostinato. Non resta che provare!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.


Foto| via Pinterest


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 47 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO