Colecisti infiammata: i sintomi e i cibi da evitare

Scritto da: -

I sintomi della colecisti infiammata sono talmente intensi da lasciare pochi dubbi sulla presenza di un problema a questo piccolo organo, la cistifellea, che ci aiuta a digerire i grassi. Chi ne soffre, infatti, prova un intenso dolore subito sotto alle costole, nella parte destra dell'addome. Non c'è da sorprendersi se il dolore è tanto intenso se si pensa che questo disturbo è causato, almeno per quanto riguarda il 90% degli episodi acuti, alla presenza di calcoli biliari, veri e propri sassolini che ostacolano la fuoriuscita della bile.

Proprio perché la cistifellea è importante per la digestione, è indispensabile sapere cosa mangiare nell'attesa che il problema si risolva. Se, poi, il problema diventa cronico, limitare il consumo dei grassi saturi è indispensabile per cercare di ridurre i sintomi della colecisti infiammata.

In realtà il dolore non è l'unico problema associato all'infiammazione della colecisti. Ad esso si possono unire sintomi come feci color argilla, febbre, nausea e vomito e ingiallimento della pelle e degli occhi. La sensibilità dell'addome al tocco e opportune analisi di laboratorio e strumentali possono aiutare il medico a confermare la diagnosi effettuata in base a questi sintomi.

Una volta accertata la presenza di un'infiammazione alla colecisti, la prima cosa da fare è bere in abbondanza per contrastare la disidratazione causata soprattutto dal vomito. Durante la terapia bisogna, invece, evitare i cibi troppo ricchi di grassi saturi. Meglio, quindi, cercare delle alternative al burro, alla maionese e ad altri cibi grassi, preferendo latticini a basso contenuto di grassi e carne magra.

Da parte loro, i cereali integrali, i legumi, la frutta e la verdura possono aiutare a contrastare l'infiammazione della colecisti svolgendo anche un'altra importante funzione: oltre ad essere poveri di grassi, forniscono fibre utili per migliorare la digestione e favoriscono la salute dell'apparato digerente.

Via | MedlinePlus; Livestrong
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
3.94 su 5.00 basato su 34 voti.