Appendicite infiammata: i sintomi nei bambini e negli adulti

Scritto da: -

appendicite

Dolori addominali, nausea e perdita dell’appetito: sono questi i sintomi più comuni dell’appendicite, un’infiammazione che può colpire a qualsiasi età, provocando problemi simili nei bambini e negli adulti. Tuttavia, qualche differenza c’è e possono esserci situazioni, come quella delle donne incinte, in cui i dolori causati dall’infiammazione sono diversi.

In ogni caso, è proprio il dolore la caratteristica fondamentale dell’appendicite. Si tratta di un fastidio che compare gradualmente, generalmente a partire dalla zona dell’ombelico o da poco più in alto, per poi estendersi verso la parte inferiore destra della pancia, che, di conseguenza, si irrigidisce e diventa più sensibile. Il dolore può essere costante, peggiorare con il movimento e calmarsi quando si resta immobili nel letto o acutizzarsi facendo ruotare l’anca.

Nell’80% dei casi sintomi di questo tipo indicano con certezza un’appendicite in corso. Ci sono, però, delle situazioni in cui il dolore è localizzato in altre zone dell’addome. Il punto d’origine del dolore, dipende, infatti, da dove è posizionato l’apice dell’appendice. Perciò il fastidio può interessare il fianco destro, zone più posteriori o, addirittura, lo scroto.

Se l’appendice irrita la vescica gli adulti possono anche provare un bisogno più frequente di urinare. Durante la gravidanza, invece, l’utero può spostare l’appendice dalla sua normale sede e, quindi, il dolore può comparire in un punto qualsiasi dell’addome.

In genere perdita dell’appetito, nausea e vomito compaiono dopo il dolore. Il vomito è particolarmente frequente nei bambini al di sotto dei 2 anni, che possono anche soffrire di gonfiori addominali. Nei bambini piccoli l’appendicite può anche causare diarrea o, al contrario, stitichezza, sintomi meno frequenti negli adulti.

In alcuni casi questi sintomi possono essere accompagnati da qualche linea di febbre, soprattutto nei bambini più grandi e negli adolescenti. Se la temperatura supera i 38,5 °C è, invece, probabile che l’appendice si sia perforata e che si corra il rischio di peritonite, un’infiammazione della cavità addominale. Infine, è anche possibile che compaiano dei problemi respiratori.

In presenza di questi sintomi, analisi del sangue e delle urine, radiografie dell’addome e del petto o una TAC potranno confermare definitivamente la diagnosi.

Via | ABDOPAIN.COM; KidsHealth; Hôpital de Montréal pour enfants
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!