Ritiro Sale di Sicilia Italkali: il prodotto è "perfettamente conforme" e "può essere consumato senza alcun timore"

La smentita dei rischi arriva direttamente dall'Azienda, che illustra i risultati degli accertamenti che garantiscono la salubrità del prodotto

sale italkali sicuro

Risale allo scorso mese di gennaio la notizia del ritiro dagli scaffali dei supermercati Coop del Sale di Sicilia Iodio più da 1 kg di Italkali a causa di sospette anomalie nella confezione. Oggi la stessa Italkali desidera introdurre alcune precisazioni e un importante aggiornamento e in una nota stampa in cui segnala un comunicato recentemente emesso dall'Azienda al fine di fugare le imprecisioni che sono state diffuse precisa quanto segue:


  • il ritiro non è stato disposto da Coop, ma da Italkali che, in via volontaria ha scelto di richiamare alcuni lotti di prodotto “Sale di Sicilia Iodio Più” Fino;
  • il prodotto “Sale di Sicilia Iodio Più” è sempre stato disponibile per i consumatori italiani in tutta sicurezza, perché è stato ritirato meno dell’1,6% della produzione annua, il resto è sempre rimasto sugli scaffali;
  • tale richiamo è avvenuto per causa del provvedimento di ARPA Lazio del 5 dicembre 2014 in cui l’Agenzia dichiarava non conforme alle norme di legge, il cartone con cui erano stati prodotti gli astucci dei lotti richiamati da Italkali;
  • nonostante l’Azienda avesse già riscontri da parte di laboratori di analisi che indicavano come conforme il cartone utilizzato, ha adottato una politica di prudenza e massima tutela dei consumatori.

Ad oggi, dopo i giorni di gennaio, durante i quali la notizia del richiamo volontario si è ampiamente diffusa in modo errato e con uno spiacevole allarmismo, possiamo anche aggiungere quanto segue:


  • le contro analisi ufficialmente effettuate dall’Istituto Superiore di Sanità hanno confermato in modo definitivo, il 13 marzo 2015, che la conformità del cartone utilizzato è indubbia;
  • tutto il prodotto è quindi perfettamente conforme e può essere consumato senza alcun timore;
  • ARPA Lazio ha ufficialmente ammesso l’errore delle analisi effettuate, quindi anche i campioni analizzati erano e sono sempre stati conformi.

In ragione di questo l'Azienda ha chiesto di darne visibilità e pubblichiamo questa smentita diretta alla notizia da pubblicata (reperibile in calce) con opportuno risalto nella homepage di BenessereBlog, al fine di dare opportuna evidenza ad una vicenda spiacevole che ha recato danno all’immagine di un prodotto che è, per fortuna e comunque, esente da qualsiasi vizio addebitatogli e soggetto ad una periodica filiera di controlli (con sistema qualità UNI EN ISO 9001, certificato dall’istituto DNV Italia).

(s.s.)

Coop ritira Sale di Sicilia potenzialmente pericoloso per la salute

10 gennaio 2015

E' scattata giovedì 8 gennaio l'allerta per i consumatori che acquistano sale presso i supermercati Coop. La nota catena della grande distribuzione ha infatti comunicato di aver iniziato a ritirare dagli scaffali il Sale di Sicilia Iodio più da 1 kg di Italkali a causa di sospette anomalie nella confezione.

Coop, che ha avvisato la clientela tramite il suo sito web, non ha fornito ulteriori dettagli sulla natura del problema. L'annuncio recita infatti

Si avvisano i gentili consumatori che stiamo procedendo al richiamo del prodotto Sale di Sicilia Iodio più – 1 kg a causa della potenziale non conformità dell'imballaggio

senza precisare di che tipo di “non conformità” si tratti.

A quanto si apprende da fonti stampa, però, il problema riguarderebbe alcune analisi condotte dall'Arpa (l' Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale) della Regione Lazio, che avrebbero rilevato la presenza di quantità eccessive di piombo all'interno del cartone di imballaggio del sale.

sale sicilia ritirato

Coop specifica però altri dettagli del provvedimento, primo fra tutti i lotti interessati corrispondenti ai numeri RL 21064328 e RL 21064344. Coop precisa che le confezioni recanti questi numeri di lotto

NON devono essere consumate


invitando i consumatori a restituirle presso il punto vendita.

La seconda precisazione riguarda invece le regioni coinvolte dall'allerta. Coop fa infatti sapere che le confezioni di Sale di Sicilia Iodio più di Italkali incriminate sono state distribuite presso alcuni punti vendita in Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Puglia e Basilicata. Risulta inoltre coinvolta la Repubblica di San Marino.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Coop; Il fatto alimentare
Foto | Coop

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail