Alimentazione contro il caldo, il decalogo del Ministero della Salute

Scritto da: -

decalogo del ministero della salute

Un decalogo del Ministero della Salute per garantirsi l’alimentazione più corretta per affrontare il caldo: se ne è parlato a una conferenza stampa allo stesso ministero, alla quale sono intervenuti il Ministro della Salute Renato Balduzzi e il Direttore generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Silvio Borrello.

Il decalogo, battezzato “E…state Ok con la nutrizione” durante la conferenza, è stato presentato insieme ad altro materiale di comunicazione in tema di sicurezza alimentare e sarà esposto in più di 60 mila studi medici e farmacie, pubblicato sulle riviste specializzate per gli operatori del settore sanitario e sul settimanale “TV Sorrisi e Canzoni”.

Di seguito le indicazioni contenute nel decalogo del Ministero della Salute.

    1. Rispettare il numero e gli orari dei pasti, soprattutto la prima colazione, che è da privilegiare rispetto agli altri pasti
    2. Aumentare il consumo di frutta e verdura di stagione e di yogurt senza zuccheri aggiunti. Mangiare, ma senza esagerare, anche la frutta secca, che contiene i preziosi acidi grassi omega 3, minerali e fibre, ma che è molto calorica.
    3. Mangiare variato, anche basandosi sul colore degli alimenti, che indica la presenza di sostanze antiossidanti.
    4. Condire con olio d’oliva a crudo, limitando il consumo di piatti elaborati e ricchi di grassi.
    5. Preferire alimenti freschi, facilmente digeribili e ricchi di acqua e limitare gli snack salati o zuccherati. Anche lontano da casa la portata finale del pasto deve essere la frutta.
    6. Si può pranzare con un gelato o un frullato.
    7. Evitare pasti completi di primo, secondo e contorno, soprattutto quando è stata scelta una vacanza a “pensione completa”. Meglio scegliere piatti unici e bilanciati, ad esempio pasta con verdure o legumi e carne (oppure pesce o uova) con verdure.
    8. Limitare il consumo di sale a un massimo di 5 grammi e preferire quello iodato. Chi soffre di pressione alta dovrebbe utilizzare un sale iposodico o senza sodio.
    9. Conservare correttamente gli alimenti, rispettando la catena del freddo e senza conservarli per troppo tempo in frigorifero, dove, in ogni caso, perdono parte del loro valore nutrizionale e possono essere contaminati da microbi.
    10. Bere almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno e limitare il consumo di bibite zuccherate e di bevande alcoliche, vino e birra inclusi.

Via | Ministero della Salute
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
3.78 su 5.00 basato su 23 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Benessereblog.it fa parte del Canale Blogo News ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.