Attenzione all'emicrania, a rimetterci è la vita di tutti i giorni

Spesso il problema non viene diagnosticato e trattato in modo corretto. Ecco quando bisogna preoccuparsi e come affrontarlo in modo corretto

“Ho solo un po' di mal di testa”. Sarà capitato a tutti di dover giustificare una giornata “no” in questo modo, ma per alcuni l'emicrania è un disturbo tutt'altro che lieve. A confermarlo è una ricerca condotta tra Regno Unito, Germania, Italia e Spagna da cui è emerso che per il 90% delle persone che hanno a che fare con un'emicrania, episodica o cronica che sia, il dolore è talmente intenso da stravolgere la vita quotidiana.

Lo studio, presentato al 4° European Headache and Migraine Trust International Congress di Copenaghen, ha verificato l'impatto dell'emicrania sulla quotidianità coinvolgendo più di 600 pazienti di età compresa tra i 20 e i 60 anni. Ne è emerso che più della metà delle persone che convivono con questi problema sarebbe disposto a fare qualsiasi cosa pur di diminuire la frequenza e l'intensità degli attacchi. In molti casi, però sembra vincere la rassegnazione. Il 29% dei pazienti crede infatti che non ci sia nulla da fare contro l'efficacia.

Viene spontaneo chiedersi da cosa nasca questo atteggiamento. E' davvero così difficile sconfiggere o quantomeno gestire con successo l'emicrania? In realtà non è da escludere che la risposta alla domanda sia almeno in parte fornita da questo stesso studio. Le informazioni raccolte hanno infatti svelato che il 30% di chi ne soffre non ha mai ricevuto una vera diagnosi e che ben il 50% non segue nessuna terapia.

emicrania

Alla luce di questi dati è difficile pensare che il problema venga affrontato sempre in modo adeguato. Le conseguenze, naturalmente, si fanno sentire: dalle difficoltà in ambito lavorativo (con cui ha a che fare il 72% degli italiani con emicrania) a quelle nella vita di relazione (il 55% rinuncia al sesso a causa di questo problema, il 14% lo ritiene alla base delle tensioni che hanno portato alla rottura con il partner e il 73% non riesce a trascorrere tranquillamente un'intera serata con gli amici), la qualità della vita di chi soffre di emicrania sembra essere in pericolo a 360 gradi.

Tutto ciò sembra portare con sé un invito piuttosto chiaro: non sottovalutare il problema. E' bene, quindi, ricordare che si può parlare di emicrania cronica già da quando il problema si presenta 15 giorni al mese, a patto che in almeno 8 di questi giorni si soffra anche di sintomi come nausea, ipersensibilità alla luce e ai rumori e dolore localizzato. Se quella con cui si ha a che fare è vera e propria emicrania è fondamentale non sottovalutarla e affidarsi a un medico specializzato per abere una diagnosi accurata.

L’automedicazione non è una soluzione, anzi, spesso si rischia di abusare dei farmaci e di cronicizzare i sintomi

spiega Paolo Martelletti, direttore del Centro di Riferimento Regionale per le Cefalee dell'Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma e presidente eletto della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee e della European Headache Federation.

Solo il medico saprà valutare l’approccio terapeutico migliore, volto a gestire le fasi acute e a prevenire per quanto possibile gli attacchi di emicrania cronica. I trattamenti vanno fatti da mani esperte in ambiti specialistici e producono una netta e progressiva diminuzione dell’intensità delle crisi, della frequenza dei giorni con emicrania e soprattutto una consequenziale riduzione dell’uso di
terapie farmacologiche con analgesici o triptani, riportando alla forma episodica, dopo vari cicli, la forma cronica della emicrania.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: