Il lillà in fitoterapia: proprietà, benefici e utilizzi

Pianta ornamentale profumatissima, il lillà è anche ricco di proprietà e sin dall'antichità è stato utilizzato in medicina e fitoterapia.

I suoi fiori bianchi o violacei, profumatissimi, sono parte dell'essenza stessa della primavera inoltrata: il lillà è una di quelle piante ornamentali ormai facili da trovare nei giardini di tutta Italia, dalla fragranza caratteristica e dalla resistenza arborea comprovata. Non solo giardinaggio, comunque, perché sin dall'antichità il lillà è stato utilizzato come cura e terapia per diversi tipi di malanni, data anche la forte utilizzabilità di tutte le sue parti, dalla corteccia alle foglie fino al fiore e alle gemme.

Tra le proprietà del lillà figura infatti quella di febbrifugo per abbassare la temperatura corporea in caso di influenza e aiutare a far passare la febbre: questo è possibile grazie al glucoside siringosie presente nella corteccia del lillà, che viene fatta bollire per preparare un decotto da consumare.

Anche le foglie del lillà sono utilizzate in fitoterapia per le proprietà digestive e antireumatiche: sono molto amare e si consumano sotto forma di infuso, sminuzzate e fatte bollire leggermente. Se il sapore sembra troppo forte, si può addolcire la tisana di foglie di lillà con poco miele, che aiuta anche a favorire la digestione e a decongestionare l'apparato digerente, oltre che alleviare le fatiche del fegato.

6086472837_ea666bc4e8_z

Con i fiori si preparano invece ottimi oleoliti (anche da fare in casa, non è difficile!) da utilizzare per massaggi alle mani: avendo proprietà antireumatiche, antinfiammatorie ed astringenti, i benefici possono essere molteplici e l'oleolito di fiori di lillà può essere utilizzato per tutti quei piccoli fastidi riguardanti i reumatismi o problemi come la pelle rovinata, perché i fiori di lillà sono in grado di aiutare la pelle ad autoripararsi.

Molto utilizzati e apprezzati come tonici del cuore e della circolazione, perché in grado di abbassare la pressione sanguigna, sono i gemmoderivati dei fiori di lillà, vale a dire la macerazione delle gemme fresche di Syringa vulgaris (nome scientifico del lillà), che favoriscono la vasodilatazione coronarica e migliorano le capacità di contrazione del muscolo cardiaco, disponibili in commercio.

Foto | Flickr

Via | AmbienteBio


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 62 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO