Depressione negli anziani, giocare ai videogame riduce i sintomi?

I videogiochi possono avere effetti benefici per le persone anziane che soffrono di depressione. Ecco cosa è emerso da una nuova ricerca.

I videogiochi possono aiutare le persone anziane che soffrono di depressione? La risposa sembrerebbe essere “si”. Criticati da molti, i videogiochi possono senza dubbio essere nocivi se usati male e troppo, ma d’altro canto, bisogna ammettere che non poche ricerche scientifiche ne hanno confermato gli effetti benefici sulla psiche. L’ultima ricerca in tal senso è quella condotta dai membri del Weill Cornell Medical College di New York, secondo cui proprio i soggetti anziani potrebbero trarre benefici dal giocare con i videogiochi.

I ricercatori hanno infatti fatto sapere che giocare con il computer può effettivamente aiutare ad alleviare i sintomi della depressione più velocemente rispetto al trattamento farmacologico. Lo studio in questione ha preso in esame un campione di 11 persone, alle quali è stato chiesto di seguire, per quattro settimane, un programma di formazione informatica. I ricercatori hanno poi analizzato i pazienti, esaminando eventuali sintomi di depressione e le funzioni cerebrali.

Dopodiché, il team ha confrontato i risultati dello studio con quelli ottenuti da una ricerca separata che comprendeva 33 partecipanti trattati con Escitalopram, un antidepressivo appartenente alla classe degli SSRI.

Stando a quanto emerso, sembrerebbe che la terapia "con il computer" abbia ottenuto degli effetti migliori rispetto a quella con antidepressivi nel trattamento dei sintomi della depressione. In più, sembra anche che le persone che hanno giocato con i videogiochi al computer avrebbero visto un miglioramento della propria condizione in appena quattro settimane, invece delle 12 settimane previste con il trattamento farmacologico.

videogiochi depressione

Ma quale sarebbe la ragione per cui i videogame potrebbero alleviare i sintomi della depressione delle persone anziane? Secondo i gli autori dello studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, i videogiochi migliorerebbero le funzioni esecutive.

"I nostri risultati – spiegano gli esperti - suggeriscono che la salute e il funzionamento dei circuiti cerebrali responsabili delle funzioni esecutive sono importanti per il recupero dalla depressione".

Insomma, secondo gli esperti la “computer-terapia” potrebbe essere impiegata insieme agli antidepressivi dalle persone che presentano i sintomi di depressione maggiore. D’altronde, questo non è il solo effetto positivo esercitato dai videogame. Uno studio pubblicato sulla rivista PLoS ONE sostiene che possedere un PC possa ridurre il rischio di demenza del 40%, mentre gli anziani che giocano con i classici "dancing-games" hanno anche maggiori probabilità di raggiungere ottimi obiettivi per quanto riguarda la forma fisica.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Livescience.com, Natureworldnews.com

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail