Cosa fare in caso di attacchi di panico

attacchi di panicoGli attacchi di panico sono diventati tra i disturbi a carico della sfera psicologica più frequenti e temuti. Possono essere una conseguenza diretta degli attacchi di ansia ed in genere colpiscono soggetti che si preoccupano moltissimo di ciò che la gente possa o meno pensare di loro. La crisi di panico fa emergere sensazioni psicologiche, aspetti del carattere e modi di essere prima sconosciuti dal soggetto in questione. Imporsi di eliminare l’ansia e la paura di impazzire che si provano durante la crisi di panico non porta a nessun vantaggio.

La prima cosa da fare in caso di attacchi di panico è cercarsi e trovarsi una posizione che fa sentire a proprio agio, poi bisogna concentrarsi sul proprio respiro e cercare di fare respiri brevi e superficiali, ma il più possibile regolari ed equilibrati.

Infine, bisogna proteggere sé stessi, sottraendosi, ad esempio, dal contesto che ha generato gli attacchi e, se ciò non è proprio possibile, sarebbe comunque preferibile cercare di defilarsi un po’. A questo punto, l'attacco, arrivato all'apice, comincia a scemare, mentre il soggetto avvertirà sempre più una sensazione di svuotamento e di grande stanchezza, ma anche di sollievo.

Via | Medicinenet
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail