Malattie della pelle dei bambini più comuni al mare

La cute delicata dei bambini si rinforza al mare, ma è anche più soggetta a specifiche infezioni e malattie. Vediamo le più comuni con i sintomi da riconoscere

La pelle dei bambini è sovente soggetta a particolari infezioni e malattie in estate, al mare, perché la possibilità di contagio contagio con microrganismi come funghi e batteri aumenta moltissimo, e perché l'azione combinata di sole e salsedine con il sudore può creare irritazioni.

Detto questo, è altresì vero che tantissime patologie cutanee tipiche dei bambini come la dermatite atopica o quella seborroica, miglioreranno visibilmente proprio al mare, perché le infiammazioni si riducono e le crosticine si seccano e cadono.
Children play on the beach in the Ghar E

Ma quali sono, invece, le malattie a cui le mamme e i papà devono stare attenti proprio durante le vacanze al mare? Vediamo le più comuni.


  • Sudamina. E' caratterizzata dalla comparsa di tante piccole chiazze, simili a vescicolette, rosse, che compaiono sulla pelle del bambino in specifiche zone che sono il collo, le ascelle, la fronte, l'addome e l'inguine. La cute del piccolo diventa ruvida al tatto e i puntini appaiono rilevati. Si tratta di una sorta di reazione della pelle al sudore, che è acido e che quindi provoca una irritazione evidente nei bambini che hanno un'epidermide molto più sottile e delicata degli adulti. Per alleviare il disturbo è sufficiente preparare dei bagnetti per il bambino in acqua dolce con un po' di amido di riso o di bicarbonato di sodio che contrastano l'acidità del sudore, cambiarli spesso facendo loro indossare abiti in tessuti naturali come il cotone, chiari e mai stretti
  • Impetigine. Divisa in crostosa e bollosa, l'impetigine è un'infezione batterica che provoca l'eruzione di lesioni cutanee sotto forma di bolle sierose o di croste. Questa patologia necessita di una visita dal dermatologo per essere trattata e prevede una terapia antibiotica (orale e topica) per guarire. L'impetigine è molto contagiosa e il batterio che la causa si trova soprattutto nei luoghi caldo-umidi e promiscui come piscine, battigia e passerelle della spiaggia, docce comuni eccetera
  • Fungo di mare (Pytiriasi versicolor). E' il classico fungo della pelle di colore chiaro che fa diventare la pelle dei bambini a pallini, effetto accentuato dall'abbronzatura. Questa micosi non è contagiosa e non crea fastidio, ma è alquanto antiestetica, e si può ridurre fino a regressione completa applicando sulla cute delle pomate antimicotiche prescritte dal dermatologo. E' una infezione benigna ma soggetta a recidive, soprattutto durante l'adolescenza
  • Mollusco contagioso. E' una malattia virale che nei bambini insorge soprattutto tra i 2 e i 10 anni con la formazione di papule dure e pruriginose (simili ai classici porri della pelle) in zone come collo e arti. In genere il mollusco contagioso nei bambini guarisce da solo dopo alcuni mesi, ma in questa fase il bambino può facilmente trasmettere l'infezione e quindi è bene portarlo dal dermatologo per individuare le cure giuste (tra cui la crioterapia) e l'eventuale applicazione di prodotti specifici

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail