Mal di denti, i cinque consigli per affrontare le emergenze in vacanza

Cosa fare quando il dolore ai denti colpisce lontano da casa? Ecco i consigli del dentista per affrontare la situazione con successo nell'attesa di potersi recare dal proprio medico

Quello ai denti è uno dei dolori più fastidiosi e insopportabili che si possano provare. A volte sembra che il destino, consapevole di quanto un mal di denti possa rovinare una giornata, faccia di tutto per scatenare il dolore nei momenti meno opportuni, ad esempio di notte, oppure quando non c'è un dentista a disposizione. Cosa fare, ad esempio, quando il mal di denti si scatena lontano da casa, magari proprio durante le vacanze estive?

Il problema è più attuale di quello che si potrebbe immaginare.

Gengiviti e ascessi improvvisi, otturazioni e capsule che saltano

elenca Marco Turco, responsabile dei programmi di cura dei centri Samadent.

Queste situazioni sono molto frequenti, ma se capitano nel periodo estivo possono creare un vero e proprio problema per il paziente.

ma di denti vacanza
Ecco qualche consiglio per affrontare situazioni di emergenza.


  • Quando salta un'otturazione bisogna evitare le bevande e i cibi troppo freddi. E' inoltre fondamentale cercare di mantenere la migliore pulizia possibile. Chi ha il coraggio di provare può tentare di inserire nella cavità lasciata dall'otturazione che è saltata un po' di ovatta, avendo però cura di sostituirla spesso. Inoltre può essere utile effettuare medicazioni a base di eugenolo. I kit per l'automedicazione possono essere acquistati in farmacia.
  • Quando, invece, a saltare sono una capsula o un ponte si può cercare di riattaccarli provvisoriamente. Anche in questo caso basta recarsi in farmacia e chiedere il cemento specifico necessario, da usare solo dopo aver eliminato i residui del vecchio cemento o di cibo e aver asciugato accuratamente il dente. Per il resto, basta seguire le istruzioni del prodotto e stringere con i denti un pezzetto di stoffa per un paio di minuti.
  • Il freddo è da evitare anche quando si rompe un dente. Niente ghiaccio, quindi, ma antinfiammatori, meglio se facendosi consigliare dal farmacista. La parte di dente saltata può essere conservata in una soluzione di acqua e sale o in un po' di latte.
  • In caso di ascesso il dolore può essere attenuato con impacchi di ghiaccio sulla guancia o sorseggiando acqua molto freddo. Dato che è indispensabile affrontare il problema assumendo antibiotici è bene recarsi dalla guardia medica. In attesa della visita si possono fare sciacqui con acqua e sale o, spiega Turco, “con 2 cucchiai di acqua ossigenata a concentrazioni più basse (3%, corrispondente a 10 volumi)”, lavando poi i denti con spazzolino e dentifricio.
  • La salvia può invece essere utile a chi si trova con un'infiammazione alle gengive. E' possibile masticarne qualche foglia più volte al giorno o passarne qualcuna direttamente sulle gengive. “Consiglio – aggiunge Turco – di acquistare un collutorio a base di Clorexidina. In alternativa, è possibile realizzarne uno facendo bollire in un pentolino d’acqua delle foglie di salvia per circa 10 minuti, filtrare, aggiungere del sale e utilizzare una volta raffreddato”.

Non bisogna, però, dimenticare che nei casi in cui l'emergenza è evidente è bene sacrificare qualche ora delle proprie ferie per farsi visitare dalla guardia medica. In caso contrario a farne le spese potrebbe essere il resto della vacanza.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail