Cos'è, quando serve e come si esegue l'ecoendoscopia

In cosa consiste l'ecoendoscopia, quando è indicata e come viene eseguita?

L'ecoendoscopia è un esame che permette di esplorare il tubo digerente mediante una piccola sonda a ultrasuoni posta sulla punta dell'endoscopio. Tale esame permette di analizzare le eventuali patologie dell’apparato digerente, delle vie biliari e del pancreas. In genere si tratta di un esame impiegato ad esempio per l’identificazione e la stadiazione dei tumori maligni del tubo digerente o degli organi circostanti, ma anche per l’identificazione di eventuali lesioni benigne che si trovano sulla parete esofagea, gastrica, duodenale, rettale, del pancreas o delle vie biliari. Inoltre, questo esame sarà indicato anche per risolvere eventuali dubbi diagnostici relativi alle strutture che si trovano vicino al tubo digerente.

Grazie alla tecnologia impiegata, questo esame consente un potere di risoluzione senza dubbio superiore rispetto a quello che caratterizza le altre tecniche diagnostiche.

Ecoendoscopia a cosa serve

Per effettuare l'ecoendoscopia sarà richiesta una sedazione, che potrà essere cosciente o profonda, in base alle specifiche caratteristiche del paziente. L’esame potrà essere effettuato dalla bocca o dal retto, dove sarà inserita appunto la sonda che servirà per osservare tutto in maniera dettagliata.

Da un punto di vista tecnico questo esame non è molto differente da quello endoscopico, rispetto al quale è però un po’ più lungo e complesso. Il fastidio legato alla procedura potrebbe comunque essere uguale a quello dell’endoscopia.

Per quanto concerne eventuali rischi e complicazioni, si segnalano il rischio di sanguinamento dalla sede della biopsia, perforazione intestinale dovuta alla pressione dello strumento, e le eventuali complicanze cardiorespiratorie dovute alla sedazione profonda.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Humanitas.it

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail