Le cause del gomito rigido, la diagnosi e la terapia

Quali possono essere le cause della rigidità del gomito? Ecco alcune indicazioni utili per affrontare questo problema.

Il gomito rigido è una condizione che può essere dovuta a diversi tipi di cause, una condizione che può compromettere sensibilmente la qualità della vita del paziente, dal momento che comporta notevoli difficoltà nell’esecuzione di gesti anche molto semplici. Fra le cause che determinano questa condizione troviamo ad esempio i postumi di una precedente frattura, una immobilizzazione prolungata, una lussazione del gomito, una malattia sistemica (come ad esempio artrite reumatoide), problemi alla cartilagine, un processo infettivo o un trauma.

La diagnosi del gomito rigido sarà eseguita tenendo in considerazione lo stile di vita del paziente e la sua età. Tale condizione può interessare in maggior misura persone che svolgono determinati tipi di attività lavorative (ad esempio un muratore) o sportive (ad esempio un tennista), ovvero quelle persone che generalmente eseguono un prolungato e ripetuto movimento dell’arto superiore.

Nell’esecuzione della diagnosi il medico specialista terrà in considerazione il grado di rigidità del gomito del paziente, e se il dolore connesso a tale disturbo è presente sempre oppure solo durante determinati movimenti. La terapia per il trattamento del gomito rigido varierà in base all’entità del problema ed alla sua causa sottostante.

gomito

In primo luogo, il medico consiglierà il massimo riposo per l’articolazione. Il paziente potrà inoltre trovare sollievo mediante l’applicazione di impacchi di ghiaccio e l’assunzione di farmaci antinfiammatori. Le iniezioni di cortisone intrarticolare possono essere anche molto utili per ridurre il dolore e migliorare la funzione del gomito, ma sarà importante non esagerare con l’utilizzo di tale farmaco. 2 o 3 iniezioni saranno già sufficienti per ridurre i sintomi e migliorare la vostra situazione.

Nel caso in cui questo tipo di terapia non dovesse portare buoni risultati, il medico prenderà in considerazione la possibilità di procedere con un intervento chirurgico.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Ortopedicitorino.it, Orthopedie.com

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail