Integratori contraffatti? Il vademecum per acquisti online sicuri

L'Osservatorio PoolPharma invita a non abbassare la guardia e spiega come evitare inutili rischi

Acquisti online e fai da te possono mettere in pericolo la salute dei consumatori di integratori alimentari. A riportare l'attenzione sull'argomento è l'Osservatorio PoolPharma Research, da cui arrivano anche preziosi consigli per evitare che quelli che dovrebbero essere alleati del benessere si trasformino in vere e proprie armi a doppio taglio.

Oggi l’80% delle confezioni di integratori sono vendute in farmacia, ma si sta sempre più diffondendo la vendita online

sottolinea Camilla Pizzoni, responsabile della divisione Ricerca e Sviluppo di PoolPharma, raccomandando:

bisogna fare attenzione al tipo di integratore che si va ad acquistare sul web. È necessario che il prodotto sia qualificato e che alle spalle ci sia un’azienda produttrice certificata dal Ministero della Salute. Esistono infatti sostanze che non si possono utilizzare negli integratori, e purtroppo online si possono trovare, anche per importazione parallela, prodotti che contengono sostanze dopanti. Quindi è importante da parte del consumatore prestare attenzione alla lettura dell’etichetta, in modo da garantirsi una maggiore sicurezza prima del loro utilizzo.

In effetti il rischio di imbattersi in integratori contraffatti è più elevato di quanto si potrebbe pensare. A dimostrarlo è anche la cronaca recente, che ha visto sequestrare non solo medicinali e integratori privi delle autorizzazioni previste dalla legge, ma anche farmaci ad azione anabolizzante e stupefacente. Il rischio, quindi, non è solo quello di contraffazione, ma anche quello di assumere molecole pericolose per la salute. Ma c'è di più.

L’integratore è pur sempre un supplemento alla dieta, in grado di apportare macronutrienti energetici - proteine e carboidrati – oppure micronutrienti – sali minerali e vitamine

spiega Pizzoni.

Quindi andrebbe assunto come supplemento solo quando si evidenzia un fabbisogno, cioè solo da chi che ne ha veramente necessità.

Non solo, il fatto di non considerarlo come un farmaco vero e proprio può portare a utilizzarlo con maggior leggerezza, basandosi su autodiagnosi e senza chiedere il parere di un esperto.

Il consiglio del farmacista può essere un valido supporto e l’80% dei consumatori di integratori sembra ancora far ricorso ad esso

ricorda Pizzoni.

Il farmacista e, ancora meglio, il medico può dare consigli appropriati soprattutto perché solo loro conoscono i rischi connessi a un’eventuale interazione tra integratori e farmaci.

acquisti online

Per quanto riguarda, invece, gli acquisti online, ecco un piccolo vademecum per un uso sicuro di supplementi e integratori alimentari.


  • Leggete attentamente l’etichetta per verificare gli ingredienti.

  • Controllate che gli ingredienti siano ammessi dalle normative europee e italiane consultando il sito del Ministero della Salute, che mette a disposizione elenchi delle sostanze autorizzate e le loro indicazioni per la salute.
  • Accertatevi che gli integratori acquistati (o che volete acquistare) non contengano sostanze dopanti.
  • Controllate i dosaggi.
  • Cercate l’azienda produttrice sul registro nazionale degli integratori (in cui è incluso l’elenco delle aziende che hanno notificato i prodotti al Ministero della Salute).
  • Verificare l’identità del venditore: il sito per la vendita online dovrebbe indicare la sede legale dell’azienda, la partita IVA, un eventuale numero verde ed eventualmente i contatti del servizio post-vendita e di assistenza al consumatore.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail