Scegliere la dieta vegana: un esempio

Seguire una dieta vegana: come fare? Quali sono i cibi che possiamo assumere e come fare per evitare di andare incontro a problemi di salute o a carenze alimentari?

Quella di seguire una dieta vegana è una scelta davvero ammirevole, ma per riuscire a farlo in maniera corretta, è importantissimo affidarsi a qualcuno che conosce davvero bene la materia, qualcuno che abbia le competenze adeguate per creare una dieta specifica in base alle vostre esigenze, senza quindi rischiare di andare incontro a delle carenze alimentari, a capogiri, sensazione di spossatezza e così via. Detto questo, a grandi linee saprete tutti benissimo che chi segue una dieta vegana non elimina dalla propria tavola solamente la carne ed il pesce, ma anche i latticini, il latte, il miele, e tutto ciò che è di derivazione animale o che contiene sostanze ed ingredienti di origine animale (ad esempio strutto, caglio, cocciniglia, ...).

Come potrete di certo immaginare, se seguita in maniera sbilanciata, la dieta vegana, esattamente come tutte le altre diete e gli altri regimi alimentari, può comportare dei danni per la salute. Per questa ragione è molto importante mangiare in maniera corretta, sana e bilanciata, inserendo tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno.

Sulla nostra tavola saranno naturalmente benaccetti tutti i prodotti che non sono di derivazione animale, per cui largo spazio a legumi, cereali, pasta, pane, alimenti specifici ottenuti con soia ed altri ingredienti. Hamburger, cotolette, ragù, tofu, tempeh … la tavola di un vegano è davvero ricca di alimenti molto buoni, potete credermi!

Saranno benaccetti anche tutti i frutti e tutte le verdure, in grandi quantità. Detto questo, il vostro dietologo o nutrizionista potrebbe anche consigliarvi l’assunzione di determinati integratori, in particolar modo per quanto concerne il complesso di Vitamine B, che tende effettivamente ad essere carente nell’ambito di una dieta vegana. Per ovviare a tali carenze è tuttavia possibile assumere alimenti fortificati (ad esempio i cereali, il latte vegetale, e così via), oltre che i già citati integratori alimentari.

Seguire una dieta vegana

Ma detto questo, scopriamo a questo punto un esempio di dieta vegana.



  • Colazione: 1 bicchiere di latte di soia (o di riso, o di avena, …) e 3/4 biscotti vegan, o ancora 3 fette biscottate con della marmellata

  • Spuntino: della frutta, o tre gallette di riso


  • Pranzo: pasta con condimenti a vostra scelta, oppure del seitan alla piastra, o tofu, o ancora dei legumi, …

  • Merenda: 1 yogurt di soia oppure un bicchiere di succo di frutta senza zucchero, ed una manciata di frutta secca (pistacchi, mandorle, semi di zucca, noci)

  • Cena: insalata a piacere, accompagnata da seitan alla piastra, oppure del tempeh, hamburger vegetali e così via.

Il consiglio che vi do è comunque quello di non seguire alla lettera le diete che trovate su internet, poiché ogni persona è un mondo a sé stante, con specifiche necessità e problematiche da tenere in considerazione, per cui è sempre importante – come ho già ribadito – chiedere il parere di un dietologo esperto in materia.

Personalmente devo ammettere infatti che, per quanto mi riguarda, è stato davvero molto utile essermi affidata ad una dietologa competente ed esperta in materia, che mi ha aiutata a bilanciare ancor meglio tutte le sostanze nutritive necessarie. Del resto, è proprio vero … nella vita non si finisce mai di imparare!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail