Salute e tecnologia, le App aumentano le malattie sessualmente trasmissibili?

Secondo uno studio USA, le nuove modalità per incontri occasionali minaccerebbero la salute sessuale delle persone: registrato un aumento di clamidia e gonorrea.

Le nuove frontiere dell'amore e del sesso passano anche per i siti di dating online e le app conseguenti, ma si deve prestare parecchia attenzione alla gente che si conosce con questi metodi: stando ad uno studio condotto a Los Angeles presso la clinica del Gay And Lesbian Center della città californiana, l'uso delle app aumenterebbe il rischio di contrarre le malattie sessualmente trasmissibili, nonostante gli stessi rappresentanti delle società che gestiscono le applicazioni facciano il possibile per la promozione del sesso sicuro.

Nel mirino dei ricercatori californiani e della loro curiosità sono finite tutte le app come Grindr, il sito di dating online nato per favorire gli incontri gay e che sfrutta la geolocalizzazione per far conoscere le persone nel raggio di determinati chilometri: app come questa hanno contribuito a velocizzare le modalità di conoscenza ma, a quanto fare, anche ad aumentare il rischio delle malattie sessualmente trasmissibili.

SPAIN-GAY-PRIDE-PARADE

La ricerca si è focalizzata su  7184 uomini che si sono presentati alla clinica del Gay and Lesbian Centre di Los Angeles: di fronte alle domande e ai risultati delle loro analisi, i ricercatori hanno mostrato come ci fosse il 23% di probabilità di più di contrarre la gonorrea e 35% in più di infettarsi con la clamidia rispetto ai normali incontri in locali, bar o semplici siti di dating.

La tecnologia sta ridefinendo il sesso a richiesta. I vantaggi che migliorano l'efficienza dell'incontro tra partner sessuali può avere la conseguenza indiretta di creare reti di individui che hanno più probabilità di contrarre infezioni da malattie sessualmente trasmissibili

si legge nel report dei ricercatori. Forse quelli dei ricercatori californiani non sono dati scientificamente attendibili, ma la correlazione tra dating online e aumento delle infezioni era stata discussa (per quanto in maniera scherzosa) già in passato. Tra le malattie si era registrato anche un ritorno del contagio da HIV, il virus dell'AIDS, dovuto al sesso non sicuro.

Steve Taylor, consulente di medicina per l'HIV e per la salute sessuale del Birmingham Heartlands Hospital in Inghilterra, ha dichiarato:

È una tendenza che stiamo osservando nei nostri studi sulla salute sessuale e sull'HIV, sia negli uomini gay sia negli eterosessuali. Senza dubbio la tecnologia ha facilitato il cambio veloce e rapido dei partner e ciò comporta un ambiente particolare per lo sviluppo di infezioni da malattie sessualmente trasmissibili e HIV.

L'unica raccomandazione contro l'infezione da malattie sessualmente trasmissibili è sempre la stessa: usare sempre il preservativo nei rapporti occasionali e prestare particolare attenzione alle avventure estive.

Via | BBC

  • shares
  • Mail