Il reflusso gastroesofageo nei bambini: le cause, i sintomi da riconoscere e i rimedi

Il reflusso gastroesofageo nei bambini è un disturbo abbastanza comune: ecco come si manifesta, con quali sintomi e per quale motivo, senza dimenticare i possibili rimedi che possiamo utilizzare per farli stare meglio.

Il reflusso gastroesofageo nei bambini è un disturbo abbastanza comune: si tratta del passaggio involontario di materiale gastrico nell'esofago, proveniente dallo stomaco. In età infantile è molto comune: ci sono forme meno gravi che solitamente si risolvono da sole entro il 7° mese di vita, quando avviene lo svezzamento e il piccolo comincia a mangiare pasti solidi e a rimanere più eretto. In altre forme, più gravi e frequenti, il reflusso non garantisce la corretta crescita dei bambini e in questo caso si parla di reflusso gastroesofageo patologico.

Le cause del reflusso gastroesofageo sono da cercare nel rilassamento dell'anello muscolare che si chiude quando lo stomaco si contrae perché è pieno di cibo. L'anello non si chiude bene e quindi un po' del materiale ingerito ritorna indietro.

Ma quali sono i sintomi del reflusso gastroesofageo? I sintomi più comuni, soprattutto nel primo anno di vita, sono vomito e rigurgiti che si manifestano dopo mangiato. Se la crescita del bambino è regolare, non sono necessari ulteriori indagini, mentre se l'accrescimento è scarso allora bisogna cambiare la dieta del piccolo, aiutandolo anche con farmaci che riducano il reflusso. Nei bambini più piccoli possiamo anche notare pianti continui, irrequietezza.

Altri sintomi meno tipici sono asma bronchiale e laringospasmo, da tenere d'occhio nel caso il piccolo non soffra di allergie che provochino questi sintomi. Altri segnali sono tosse persistente, raucedini, bronchiti e broncopolmoniti ricorrenti, episodi di cianosi.

Come si cura il reflusso gastroesofageo? Innanzitutto aiutando il bambino a digerire meglio tenendolo in posizione prona con il capo rialzato di 30 gradi, anche se non tutti sono d'accordo soprattutto per i rischi di SIDS che questa posizione comporta. Altrimenti si può intervenire sulla dieta, aumentando il numero dei pasti e riducendo la quantità o introducendo pasti solidi.

Esistono dei farmaci antiacidi che possono essere prescritti, mentre la terapia chirurgica viene seguita solamente nei casi più gravi nei quali le precedenti cure non hanno avuto effetto.

Reflusso gastroesofageo nei bambini

Foto | da Flickr di kellysue

Via | OspedaleBambinoGesù

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • +1
  • Mail