Cos'è un cardioversore-defibrillatore impiantabile, a cosa serve e quando è utilizzato

Il cardioversore-defibrillatore impiantabile o defibrillatore cardiaco impiantabile o, ancora, ICD, dall'acronimo inglese, è un dispositivo elettrico che viene usato per i pazienti a rischio di morte cardiaca improvvisa.

Il cardioversore-defibrillatore impiantabile è un particolare dispositivo elettrico che viene utilizzato per i pazienti a rischio di morte cardiaca improvvisa: altro non è che un piccolissimo computer, con alimentazione a batteria, chiuso dentro un involucro di titanio. E' grande come un orologio da taschino e non pesa più di 70 grammi. Viene impiantato sul lato destro o sinistro del torace, sotto la clavicola, sottopelle, tramite intervento chirurgico.

Oltre al piccolo computer, sottopelle vengono anche impiantati degli elettrocateteri, che trasmettono informazioni dal cuore al dispositivo e che, in caso di emergenza e di arresto cardiaco, inviano impulsi elettrici al muscolo del cuore. Il particolare defibrillatore viene solitamente programmato in ambulatorio tramite un programmatore, che serve anche al medico per monitorarne le informazioni durante la terapia.

Per chi soffre di disturbi a carico del cuore può essere rassicurante vivere con un vero e proprio salvavita posizionato vicino al suo cuore: non solo benefici, però, perché esistono anche dei rischi, dal momento che l'impianto avviene chirurgicamente e ci potrebbero essere reazioni al materiale del dispositivo.

Inoltre dopo l'impianto si dovranno avere dei piccoli accorgimenti: stare lontani da fonti magnetiche ed elettromagnetiche, da dispositivi elettroci o alimentati a benzina, accortezze che vengono elencate al momento della scelta di impiantare il dispositivo.

Chiedete tutte le informazioni necessarie al vostro medico e al vostro cardiologo, che saprà sicuramente rassicurarvi in merito all'intervento, nel caso fosse necessario effettuarlo.

Cardioversore-Defibrillatore Impiantabile

  • shares
  • +1
  • Mail