Cos'è la follicolite, le cause e i trattamenti migliori

Quando si infettano i follicoli piliferi possono trasformarsi in brufoli anche molto grossi. Come risolvere questa situazione imbarazzante?

La follicolite può essere un problema tanto fastidioso quanto imbarazzante. Causata dall'infezione dei follicoli piliferi, si presenta in genere sotto forma di piccoli foruncoli bianchi, a volte raggruppati, che possono arrossare la pelle circostante, prudere e fare male, ma quando l'infezione è più profonda si può assistere alla formazione di grossi brufoli che oltre a fare male possono rompersi rilasciando il pus presente al loro interno.

Le cause dell'infezione possono variare dai batteri, ai virus, ai funghi, ma la più comune è lo stafilococco aureo. Alla comparsa dei brufoletti contribuiscono poi anche altri fattori, come gli sfregamenti associati alla rasatura o all'uso di indumenti troppo stretti, abrasioni, sudorazione eccessiva e problemi dermatologici come l'acne o la dermatite.

A questa variabilità nelle cause corrisponde la variabilità del trattamento, che può essere diverso a seconda del tipo di infezione e della sua gravità. In generale, è possibile distinguere le follicoliti superficiali – quelle causate da stafilocco, pseudomonas o pityrosporum e la pseudofollicolite della barba – dalle follicoliti profonde – la sicosi della barba, il carbonchio e la follicolite eosinofila. Spesso i casi più lievi non sono associati a complicazioni e tendono a risolversi da soli, dando, al massimo, delle recidive o estendendosi ad altre aree dell'epidermide. I casi più gravi richiedono invece un trattamento specifico per evitare la perdita definitiva dei peli o la formazione di antiestetiche macchie o cicatrici.

follicolite

Ecco, caso per caso, i trattamenti più adatti.


  • Le infezioni da stafilococco possono essere trattate con antibiotici sia per uso topico sia da assumere per via orale.
  • Le follicoliti associate a pseudomonas vengono trattate con medicinali per ridurre il prurito ed eventualmente con degli antibiotici.
  • Le infezioni da pityrosporum richiedono l'uso di antimicotici ad uso topico o da assumere per via orale.
  • Se l'infezione è scatenata da un batterio Gram-negativo è necessario utilizzare antibiotici specifici ad uso topico o da assumere per via orale.
  • Il trattamento della sicosi della barba prevede impacchi caldi con soluzioni saline e l'uso di antibiotici topici o, nei casi più gravi, da assumere per via orale.
  • Il carbonchio può richiedere l'incisione del foruncolo per drenare il pus.
  • La follicolite eosinofila richiede l'uso di corticosteroidi topici o, nei casi più gravi, da assumere per via orale. A volte può essere utile l'assunzione di antistaminici.
  • In genere la pseudofollicolite della barba scompare senza bisogno di trattamento.

Via | Mayo Clinic

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail