Nausea in gravidanza causata dal batterio dell'ulcera, l'Helicobacter pylori?

Pare che la nausea in gravidanza e altri disturbi tipici della digestione che colpiscono le donne in dolce attesa, provocando anche molto fastidio, possano essere causati da un batterio già noto agli studiosi, vale a dire il batterio dell'ulcera, l'Helicobacter pylori.

Un recente studio tutto italiano avrebbe scoperto la possibile causa delle tanto temute nausee in gravidanza: durante i nove mesi di gestazione, soprattutto nel primo trimestre, è facile soffrire delle cosiddette nausee mattutine, che poi pian piano si attenuano man mano che la gravidanza procede.

Ma non sono solo questi i disturbi alla digestione che accompagnano le donne in gravidanza, nei nove mesi di gestazione: nausee e altre complicazioni, talvolta anche molto gravi, del periodo che dovrebbe essere il più bello per ogni donna potrebbero avere una causa comune. Pare che sia tutta colpa dell'Helicobacter pylon, il batterio responsabile dell'ulcera.

Lo studio, condotto dall'Ospedale Sant'Anna di Torino e dall'Università del capoluogo piemontese, sotto il coordinameto della dottoressa Tullia Todros, studio pubblicato poi sul World Journal of Gastroenterology, infatti, ha scoperto che moltissimi disturbi della gravidanza, dalle nausee mattutine e fino a complicazioni più gravi come l'aborto spontaneo o il parto prematuro, potrebbero essere provocati da questo batterio.

Analizzando la letteratura scientifica internazionale legata all'associazione tra il batterio e i disturbi della gravidanza, gli scienziati hanno scoperto che l'Helicobacter potrebbe essere non solo responsabile di nausea e vomito, che solitamente caratterizzano il primo periodo di gravidanza, ma anche altri disturbi come l'anemia da carenza di ferro oltre che fenomeni come l'aborto spontaneo, la pre eclampsia, la restrizione della crescita fetale.

Nausea in gravidanza

Foto | da Flickr di o-mer

Via | Ansa

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • +1
  • Mail